Crea sito

La Tautomeria cheto enolica: lo ione enolato JSMol

Studieremo la struttura dello ione enolato.
Tra le reazioni caratteristiche delle aldeidi e dei chetoni, vi è la tautomeria chetoenolica. Possono esibire questa reazione quei composti carbonilici che hanno un H in alfa al carbonile. Una delle molecole possibili è l’etanale.

Nel meccanismo di questa reazione, una base in soluzione acquosa estrae un protone dal Carbonio che si trova in ALFA al carbonile, cioè sul carbonio a fianco, formando in questo modo il carboanione enolato. La formazione della sua carica negativa è stata possibile mediante la stabilizzazione per risonanza dal parte gruppo carbonile.
Nel passaggio successivo della reazione quando lo ione enolato si riprende un protone dal solvente, questo può tornare sul Carbonio e ripristina l’etanale, oppure può finire sull’Ossigeno e formare l’enolo corrispondente. In genere ogni chetone, che abbia un carbonio in alfa è in equilibrio con il proprio enolo sebbene presente in quantità generalmente piccole perché termodinamicamente meno stabile della forma chetonica. Una eccezione a questa regola è il fenolo che viene stabilizzato dall’aromaticità dell’anello benzenico.
La molecola presentata di seguito è l’enolato della molecola dell’etanale, con gli orbitali HOMO, LUMO, le superfici molecolari elettrostatiche e la carica parziale presente su ogni atomo.

I files con gli orbitali molecolari e le superfici molecolari usati sono lavori originali del sito ChemMagic

pinostriccoli

Docente di Chimica nell'ITIS Galilei di Altamura